Microchirurgia e microscopia operatoria

 

Il nostro studio è fornito di due tipi di sistemi di ingrandimento:

caschetto con ottiche prismatiche Zeiss con ingrandimento 4,5x e luce LED coassiale. Lo utilizziamo di routine in tutte le procedure

stereomicroscopio operatorio Zeiss Pico che permette ingradimenti fino a 32 volte dell'area operata con una luce coassiale allo Xenon. Lo utilizziamo in endodonzia, in microchirurgia e in protesi su denti naturali.

L’odontoiatria, come molte altre branche della medicina, è coinvolta in un continuo progresso delle tecniche di diagnosi e delle soluzioni terapeutiche. La ricerca di una sempre maggiore qualità delle prestazioni erogate, il bisogno di migliorare la prevenzione e la diagnosi delle patologie orali, stanno spingendo gli odontoiatri ad utilizzare i mezzi visivi di ingrandimento durante il loro lavoro quotidiano. Bisogna considerare che il dentista lavora da sempre su un campo di lavoro piccolo. Nell’industria, sono stati studiati e analizzati i processi lavorativi che riguardano oggetti piccoli e si è concluso che bisognerebbe utilizzare un mezzo d’ingrandimento allorché il campo di lavoro è di dimensioni  inferiori a 5 mm. Le dimensioni di un dente, vanno da 5 a 12-13 mm, ma l’odontoiatra, si trova, spesso a dover effettuare il suo lavoro, su una sola parte di esso (per esempio quando cura una carie che ha una estensione di 1-2mm, oppure per localizzare i canali radicolari il cui diametro è inferiore ad 1mm), restringendo quindi la sua attenzione, a pochi millimetri quadrati. Inoltre la bocca è un luogo buio con accesso difficile. Pertanto oltre agli ingrandimenti è necessario anche l'utilizzo di una luce coassiale alla visione che illumini perfettamente il campo operatorio, che come abbiamo detto  è di pochi millimetri quadrati.

La coincidenza del fascio di luce illuminante con quella dell’asse visivo, è il segreto del sistema ingrandente ideale. Questa condizione, permette di vedere immagini in un canale stretto e lungo (come può essere il canale di un dente). Attualmente, l’unico strumento che consente di mettere in asse il sistema illuminante con quello ingrandente, è rappresentato dallo stereomicroscopio operativo. 
Questa apparecchiatura, viene sempre più spesso utilizzata in odontoiatria ed in particolare in alcune sue branche (endodonzia e protesi) dove è senz’altro richiesto un ottimo controllo visivo del lavoro effettuato. Il microscopio operativo, non è però uno strumento facile da introdurre nella pratica di lavoro quotidiana. Si tratta di uno strumento ingombrante, che richiede un sistema di bilanciamento a sua volta poggiante a terra o ancorato al soffitto dello studio.
Questo sistema di lavoro richiede, però, un periodo d’apprendimento abbastanza lungo, durante il quale s’impara a controllare le proprie azioni viste attraverso lo specchietto. Infatti con il microscopio è quasi sempre necessario lavorare in visione indiretta. Ecco perché pochi sono i dentisti che si avvicinano alla microscopia operatoria. 

Il microscopio operativo rappresenta quindi una nuova opportunità per il dentista e per il paziente. Può aiutarlo ad affrontare e a risolvere quei problemi che fino ad ora non avevano soluzione. Per esempio nel campo dell’Endodonzia (quella branca dell’odontoiatria che si occupa della devitalizzazione dei denti ), si possono rimuovere strumenti fratturati nei canali, correggere false strade, risolvere perforazioni ecc.

Di seguito un esempio di quanto ingrandisce un microscopio operatorio. Le prime immagini, a-c, sono l'interno di un molare visto con l'ingrandimento tramite ottiche primastiche su caschetto (4,5 ingrandimenti). Le seconde immagini, b-d, sono dello stesso dente, ma viste tramite il microscopio operatorio Zeiss (a 12 ingrandimenti).



Nelle foto qui sotto potete osservare:
– in a e b : ciò che vede un dentista senza ingrandimenti, con il solo aiuto della vista
– in c e d: ciò che vede un dentista con l'ausilio di sistemi ingrandimenti prismatici rispettivamente 2,5x e 4,5 x
– in e: ciò che vede il dentista con l'ausilio del microscopio operatorio



Di seguito vi mostro delle immagini di una moneta  e di una bocca osservati  con il microscopio Zeiss dal dott. Glenn van As di Vancouver (Canada) a differenti ingrandimenti:
– 2 ingrandimenti
– 3 ingrandimenti
– 5 ingrandimenti
– 8 ingrandimenti
-12 ingrandimenti
– 19 ingrandiment
 
 
 
 
 
 
Come ha mostrato Gary Carrs, uno specialista di microscopia operatoria endodontica, l'occhio nudo ha una risoluzione di 200 micron (0,2mm). Ciò significa che due linee più vicine di 200 micron (0,2mm) saranno percepite dal nostro cervello come una sola. Sempre Gary Carrs ci mostra la seguente tabella in cui evidenzia il potere di risoluzione che il nostro occhio può avere grazie all'utilizzo di vari sistemi ingrandenti:
 

Ingrandimento

 

Risoluzione dell'occhio

occhio nudo

200 micron (0,2 mm)

2 ingrandimenti

100 micron (0,1 mm)

4 ingrandimenti

50 micron (0,05 mm)

8 ingrandimenti

25 micron (0,025 mm)

12 ingrandimenti

16,67 micron (0,0167 mm)

20 ingrandimenti

10 micron (0,01mm)


 
 

sarah harris nude bella hadid upskirt jenny mccarthy playboy pics cate blanchett nude nora arnezeder topless jessica barden nude leaked new lawrence 2015 toy story jessie nude selina gomez naked rose mcgowan full sex tape sophie tweed-simmons naked lala anthony nude briana evigan naked sweaty nudes stefania ferrario porn amanda peet nude harley quinn nude charlotte mckinney boobs maria menounos tits charlie sheen nude pics